L’azienda ha attualmente la sua sede centrale a Hong Kong – quali sono le ragioni di Bitcoin code? Sei legato a questo posto?

Attualmente ci troviamo a Hong Kong perché siamo fisicamente a Hong Kong. A parte questo, Hong Kong è una grande giurisdizione. Per i lettori che ancora non lo sanno: Hong Kong e la Cina sono zone separate e hanno sistemi giuridici completamente diversi. Naturalmente, c’è una certa dipendenza dalla protezione militare, ma Hong Kong ha un proprio parlamento e giudici indipendenti. Hong Kong è democratica in un certo senso e offre semplicemente un campo di gioco economico diverso da quello della Cina. Anche le frontiere sono controllate quando si entra o si lascia il paese. In altre parole, Hong Kong è una delle economie più libere del mondo e ha un eccellente ambiente commerciale.

Tenendo conto di questo e del fatto che viviamo qui, abbiamo deciso di creare LocalMonero a Hong Kong. È comodo e facile avviare un’attività commerciale. D’altra parte, se ci sono segni di ostilità nei confronti delle valute criptate, ci muoveremo immediatamente. In breve, non abbiamo messo radici qui e possiamo creare la nostra entità giuridica in un altro luogo, anche se noi stessi rimaniamo fisicamente a Hong Kong.

KYC non è un’opzione per Bitcoin code

Alla luce della recente richiesta di identificazione dei clienti (KYC) di Bitcoin code, LocalMonero prevede di adottare misure simili? Non abbiamo in programma di integrare le linee guida del know-how dei nostri clienti. Inoltre, non abbiamo l’obbligo giuridico di farlo. In caso di pressioni legali, la nostra prima reazione sarà quella di cercare un’altra giurisdizione invece di imporre il Bitcoin code ai nostri clienti.

Perché le condizioni di Know-Your-Customer rallentano noi e i clienti e creano costi inutili. Soprattutto per un’azienda giovane e in crescita come la nostra, questi costi sono fatali. Pertanto, preferiamo non condurre il KYC se legalmente possibile. Credo che ci sarà sempre un posto nel mondo per LocalMonero. Noi non negoziamo in valuta Fiat, ma forniamo solo una piattaforma per i clienti per pubblicare i propri annunci. Ai nostri clienti offriamo anche servizi di mediazione e di deposito a garanzia (escrow).

Poiché non abbiamo a che fare con la Fiat, non credo che le condizioni KYC/AML si applichino a noi

LocalBitcoins richiede l’identificazione dei clienti perché hanno la loro sede cutanea nell’Unione Europea (in Finlandia). L’UE sta attualmente esaminando in modo critico le valute criptate e chiede di conoscere i processi dei vostri clienti. LocalBitcoin deve essere conforme a questo. Tuttavia, LocalMonero non è nell’UE, ma al di fuori dell’UE. Se mai ci troveremo in una situazione del genere, come ho detto prima, ci sposteremo. Possiamo muoverci tutte le volte che è necessario e dare sempre la priorità ad evitare la politica del KYC. Vogliamo funzionare nel modo più fluido possibile e i costi del KYC sono, ai nostri occhi, dannosi per gli affari.

Credo che un problema fondamentale sia che le autorità di regolamentazione non capiscono bene il settore. Ci sono molte sfumature e non è l’unica risposta a tutto. Purtroppo, purtroppo, spesso le aziende sono classificate ingiustamente. LocalMonero non commercia con i soldi Fiat, ma fornisce una piattaforma. Di conseguenza, si tratta di un mercato peer-to-peer e l’obbligo di due diligence ricade sui singoli individui in ogni giurisdizione. Non è una nostra responsabilità.

Quindi, in particolare su LocalMonero non mi preoccuperei di KYC.